giovedì 28 aprile 2016

Rok cup, gara di Adria

Ciao Ragazzi,

rientro da un week end che ricorderò a lungo.
la terza tappa del campionato Rok Cup si è disputata la settimana scorsa ad Adria, sicuramente il circuito che preferisco, sono sempre andato forte da subito in tutte le categorie.

E' stato un week end molto movimentato, siamo partiti il Venerdì con il sole, io tutta la mattina ho dovuto lavorare sul telaio, in quanto ho fatto un cambio di Kart. Quindi abbiamo dovuto sistemare la seduta, l'assetto, le regolazioni in modo che tutto fosse perfetto.

Dal pomeriggio ho iniziato a girare e sono andato subito molto forte, con le gomme usate giravo come i primi.
Poi nei turni successivi il tempo è cambiato, abbiamo avuto qualche difficoltà con la carburazione ma tutto sommato le cose andavano abbastanza bene.

Il sabato era prevista pioggia, ma al contrario è stata una splendida giornata di sole, ho continuato per tutto il giorno a fare prove libere, regolare il kart e sistemare il motore in vista della gara di Domenica. Anche Sabato sono sempre stato tra i più veloci.

Finalmente arriva il giorni della gara, in totale siamo circa 60 piloti nella categoria Mini Rok, oltre ai soliti piloti ci sono alcuni piloti della WSK, il campionato europeo. Insomma...c'erano molti dei migliori piloti in europa della categoria Mini 60.

La domenica il tempo era brutto, dalla mattina pioveva molto e già al warm up la pista era dichiarata bagnata, quindi tutti con gomme e assetto da bagnato. Dopo 2 giorno che provavamo sull'asciutto e avevamo l'assetto perfetto non era una grande notizia...ma era così per tutti, quindi avanti tutta -:)

Pronto per il Warm up, unico momento per provare assetto da bagnato prima delle prove cronometrate, che decidono poi lo schieramento in griglia, parto e faccio 2 curve e poi il kart si spegne di colpo. Ho provato in tutti i modi a farlo ripartire...ma niente da fare.
Si era rovinata la pipetta della candela e non faceva più passare corrente al motore....Quindi mi sono trovato con neanche un giro fatto e senza aver provato la pista sul bagnato.

Ore 10.40, tutti pronti per le qualifiche (durata 10 minuti), ovviamente bagnate, sotto una pioggia incessante, io non avevo provato la pista, ma assieme al meccanico abbiamo deciso di non forzare i primi giri,  di aspettate che le gomme si scaldassero e sopratutto di assaggiare la pista giro dopo giro.
Così ho fatto e sono riuscito a migliorare giro dopo giro fino ad ottenere un P12 che non era affatto male!

Verso alle 13.30 c'era la prima Manche di qualificazione, che prevede due gruppi di piloti, solo i primi 17 di ogni gruppo si qualificano per la finale A.

Io partivo in sesta fila, P12, la grande complicazione era che non pioveva più, la pista era ancora bagnata, ma piano piano si stava asciugando.

Bisognava decidere in poco tempo che gomme montare. Quelle da bagnato sarebbero state sicuramente meglio i primi giri, più sicure, ma verso la fine della gara, se non pioveva ancora, non avrebbero garantito grandi performance.
D'altro canto, le slik avrebbero creato molto problemi nei primi giri, con la pista umida, ma dopo, se le traiettorie si asciugavano avrebbero garantito prestazioni migliori.

Ancora un'alta volta io e il meccanico ci siamo guardati ed assieme abbiamo scelto per le slik, del resto se c'è un cosa che so fare bene da sempre, è tenere il kart con gomme finite e ottenere sempre il massimo tenendolo..... quasi sempre in pista -:)

Quindi decisi e pronti a dare battaglia, siamo partiti con le gomme slik,  alla terza curva, mentre facevo un sorpasso mi sono girato e mi sono trovato in P26 in un'attimo....per  fortuna era solo il primo giro e la pista piano piano si stava asciugando, avevamo la gomma giusta e io non potevo che dare il massimo.  Da quel momento ho cominciato a macinare giri veloci uno dopo l'altro, fino a risalire alla P6, aveva fatto un capolavoro!!! Mi sono preso il miglior giro della gara ed una rimonta da paura!!! Poi causa musetto anteriore andato giù, ho preso una penalità di 10 secondi e sono quindi sceso in P9....niente male, ero comunque in finale A a giocarmela con i più forti.

In finale tutto è cambiato ancora, ha ricominciato a piovere forte e quindi siamo tornati con assetto da bagnato.
Io partivo in P18 ed al secondo giro avevo recuperato molte posizioni e alla penultima curva, prima di entrare nel rettilineo ero in P8. Ragazzi...è li che mi sono mangiato la gara della vita, per la fretta di passare mi sono buttato interno sul bagnato (...e non si fa..) ero convinto che lo avrei tenuto, o per lo meno volevo provarci....purtroppo così non è andata e mi sono girato. Tutto da rifare un'altra volta....Mi sentivo forte e motivato, non mi sono lasciato perdere d'animo e un'altra volta dalla P28 in cui ero finito, sono risalito fino alla P20.


Devo dire che le emozioni sono state tantissime e sopratutto ho dimostrato a me stesso e agli altri che continuo a migliorare costantemente e che se il kart ed il motore sono apposto...il pilota c'è -:)

Ora la prossima sarà l'8 Maggio a Jesolo, la mia pista di casa, che non ho mai amato particolarmente, ma che conosco comunque come le mie tasche....

Ci vediamo alla prossima, e se qualcuno vuole venire a trovarmi a Jesolo me lo faccia sapere -:)

ciao e tutto e grazie del vostro tifo.
il vostro Matti